I nuovi vincoli dell’iperammortamento

I nuovi vincoli dell’iperammortamento

Dalla sua entrata in vigore lo scorso 17 luglio, il Decreto Dignità (Dl 87/2018) ha portato numerosi cambiamenti, uno dei quali interessa l’agevolazione dell’iperammortamento.

Nel dettaglio si tratta dell’aggiunta di alcuni vincoli che riguardano la “delocalizzazione” del macchinario acquistato dall’impresa per le innovazioni previste nel piano Industria 4.0.

La novità normativa, contenuta nell’art. 7 del Dl 87/2018, prevede che, nel caso in cui il macchinario venga ceduto o destinato a strutture estere, debbano essere restituiti i benefici utilizzati non essendoci più il presupposto del diritto di utilizzarli. Questa novità però non trova applicazione per i macchinari acquistati prima dell’entrata in vigore del Decreto Dignità. Per gli investimenti precedenti si continuerà a fare riferimento alla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 4/2017.
La predetta circolare afferma che, se un macchinario viene ceduto prima della completa fruizione dell’agevolazione, non si possano più utilizzare le quote non ancora ammortizzate, senza dover però restituire nulla.

C’è una precisazione importante da fare, il Decreto Dignità prevede che l’agevolazione resti concessa per i seguenti casi:

  • l’impresa effettui investimenti sostitutivi, cioè delocalizzi i beni agevolati solo dopo averne acquistati di nuovi con caratteristiche analoghe o superiori;
  • I macchinari siano utilizzati in diversi siti produttivi dell’impresa, alcuni dei quali all’estero.
Next Post Previous Post
Aprile: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930